Ci occupiamo di ristrutturazioni di VILLE, CASALI E APPARTAMENTI

Ristrutturare l’abitazione e provvedere alla riqualificazione energetica della casa si concretizza per noi nella valutazione di diversi parametri, come il recupero delle acque grigie e nere, attraverso la progettazione di una vasca di fitodepurazione a flusso orizzontale, che consente di recuperare l’acqua e di utilizzarla anche per annaffiare la vegetazione presente.
Inoltre si punterà all’eliminazione dei fattori inquinanti aria, suolo e acqua, all’elevazione della qualità abitativa e della salubrità del sito, alla riduzione dell’inquinamento acustico, al potenziamento degli effetti benefici indotti sugli ecosistemi con l’impiego di elementi vegetazionali, al potenziamento dell’interazione dei caratteri morfologici-prestazionali degli edifici attraverso lo studio del soleggia mento, della ventilazione e dell’umidità.

I sistemi utilizzati maggiormente sono:

  • sistemi a superfici vetrate captanti e massa termica interna agli ambienti
  • sistemi a spazio solare (guadagno indiretto come serre solari)
  • sistemi di raffrescamento a canali sotterranei.
  • sistemi di ventilazione con torri/camini del vento

Questi sistemi favoriscono la ventilazione interna in maniera tale da assicurare un buon livello di raffrescamento degli ambienti ed un buon livello di ricambio d’aria attraverso l’immissione di flussi d’aria esterna e l’espulsione dell’aria più calda presente nello spazio abitato (si basano sull’innesco e l’incremento della ventilazione interna attraverso appositi elementi architettonici configurati come camini o come vere e proprie “torri del vento”.)

Obiettivi del Retrofit

L’edificio è un organismo che interagisce con tutti i fattori esogeni ed endogeni, quindi si persegue l’ottimizzazione della qualità ambientale, soddisfare le esigenze di comfort, preservare le risorse naturali ed aumentare la qualità della vita.
Sostenibilità si coniuga con benessere dell’abitare, perseguendo gli obiettivi di comfort termico, risparmio energetico, qualità dell’aria, benessere acustico e luminoso, recupero delle acque.
Il progetto di riqualificazione energetica opera entro limiti ben definiti, il progettista non può intervenire sul sistema ambientale già conformato (scelta del sito, esposizione, forma e dimensione degli ambienti, disposizione aperture ecc…), quindi bisognerà lavorare sul sistema tecnologico.

Obiettivi chiave ambientali:

  1. eco-costruzione (integrazione al sito, prodotti di costruzione, cantiere sostenibile, verde…)
  2. eco-gestione (energia , acqua, rifiuti,…)
  3. comfort (termico,visivo,acustico,olfattivo)
  4. salute (qualità dell’acqua, dell’aria…)

ECO COSTRUZIONE

Integrazione edificio con il contesto ambientale

Sub-obiettivi
• gestione delle potenzialità morfologiche del sito (morfologia del sito; orientamento esposizione alla radiazione solare; esposizione ai venti prevalenti)
• gestione delle potenzialità morfologiche del sito (acqua – presenza di corsi d’acqua, falde,bacini..; risorsa verde – vegetazione esistente – essenze; ambiente urbano; area industriale; presenza di grosse arterie di collegamento; presenza infrastrutture)

Scelta dei prodotti e processi di costruzione

Sub-obiettivi
• adattabilità e durabilità (scelta processi di costruzione; scelta prodotti di costruzione)
In questo caso verificare la possibilità del riciclo dei rifiuti di demolizione degli edifici, scegliere prodotti eco-compatibili.

Cantiere verde

Sub-obiettivi
• gestione differenziata dei rifiuti di cantiere
• riduzione inquinamento acustico cantiere
• bonifica del suolo
Ridurre il più possibile gli impatti (rumore, polveri…), ridurre il consumo energetico delle risorse durante le lavorazioni in cantiere.

ECO GESTIONE

Gestione dell’energia

Sub-obiettivi
• riduzione dei bisogni energetici
• uso energie rinnovabili
• miglioramento efficienza impianti
Prevedere l’uso di caldaie a condensazione o sistemi combinati con pompe di calore, sistemi ibridi fotovoltaici ecc…

Gestione dell’acqua

Sub-obiettivi
• gestione dell’acqua potabile
• uso di acque non potabili
• depurazione delle acque
• gestione acque piovane
• gestione acque in superficie
Cercare sistemi che limitano l’uso di acqua potabile, impianti a flussi ridotti, prevedere la raccolta delle acque piovane e/o depurazione delle acque grigie, per uso WC,…

Gestione dei rifiuti

Sub-obiettivi
• gestione differenziata dei rifiuti
• predisposizione di depositi di rifiuti adatti alla raccolta e stoccaggio
• predisporre aree per compostaggio
Andranno configurate le cucine per accogliere almeno due contenitori.

COMFORT

Comfort termo-igrometrico

Sub-obiettivi
• garanzia di stabilità delle condizioni termo igrometriche
Andranno assicurati livelli termo-igrometrici nelle diverse stagioni, ridurre il surriscaldamento alla radiazione solare, migliorare l’efficienza all’illuminazione, utilizzare la ventilazione e sistemi di raffrescamento naturale.

Comfort acustico

• isolamento acustico
Ridurre i livelli di pressione sonora, migliorare la protezione acustica tra ambienti interni e tra unità immobiliari.

Comfort visivo

• relazione visiva ottimale con l’esterno
• livelli di illuminazione naturale ottimale
• livelli di illuminazione artificiale bilanciata con l’illuminazione naturale

SALUTE

Qualità dell’aria

Sub-obiettivi
• gestione dei rischi di inquinamento dovuti ai prodotti edilizi
• gestione dei rischi di inquinamento dovuti agli impianti
• gestione dei rischi di inquinamento per radon
• gestione dei rischi di aria esterna inquinata
• ventilazione per la qualità per l’aria
Andranno evitati prodotti inquinanti per la costruzione con formaldeide, solventi, pesticidi, analisi per il rischio emissione radon, si dovrà dimensionare correttamente il ricambio di aria, verificare l’assenza di CFC negli impianti produttori di freddo e nei solventi, favorire la ventilazione naturale.

Qualità dell’acqua

Sub-obiettivi
• mantenimento della qualità dell’acqua potabile
• eventuale trattamento delle acque non potabili di riciclo
Non andranno assolutamente utilizzate tubazioni in piombo, preferibile e previste da normativa il PVC, mantenere la temperatura di stoccaggio dell’acqua calda a 60° e di distribuzione a 50° per minimizzare il rischio di legionella.

L’ombreggiamento: i sistemi di schermatura

Un corretto dimensionamento del sistema di schermatura consentirà un significativo controllo degli apporti termici dovuti alla radiazione solare incidente su una superficie opaca. La produzione di frangisole è piuttosto ampia si va dai più semplici schermi fino ad arrivare ad un vero studio trigonometrico delle diverse posizioni del sole durante tutto l’anno.
Quando la radiazione solare non è usata per illuminare l’edificio, è necessario bloccare l’ingresso dei raggi solari durante il periodo più caldo dell’anno.
Nel fronte sud la schermatura dovrà essere orizzontale, dove i raggi solari hanno un inclinazione maggiore, il sistema è meno efficiente a sud-est est o sud-ovest
Nella facciata est-ovest a causa dei raggi di incidenza che sono molto bassi sarà meglio adottare sistemi di frangisole regolabili, la distanza tra le lamelle dovrà essere molto ridotta a discpito di ridurre troppo la visuale dall’interno.

La ventilazione

Le condizioni di comfort termo igrometrico non dipende solo dalla temperatura dell’aria interna, ma anche dalla ventilazione, i moti d’aria, anche se non “freddi”, che aiutano l’evaporazione.
• ventilazione passante: collocando su due pareti contrapposte delle aperture si favorisce il flusso d’aria
• ventilazione verticale o effetto camino: favorisce l’estrazione dell’aria attraverso aperture collocate nella parte alta del locale e collegate da un condotto verticale di estrazione
• i sistemi consentono una riduzione dei carichi di raffrescamento del 50%, con la ventilazione verticale si hanno riduzioni maggiori
Sarà fondamentale individuare i venti prevalenti estivi ed invernali (velocità, direzione,frequenza) in modo da sfruttare al massimo il raffrescamento.